Le coccinelle volano

Come diventare ricchi

Lascia un commento

Chi non vorrebbe diventare ricco? Non importa quanto. Del resto che si sia tanto ricco e poco ricco, c’è poca differenza e il risultato è sempre quello.
RICCO.
E non mi riferisco alla ricchezza di spirito.
Sappiamo tutti che con quella non si va lontani (soprattutto quando è un etilometro a misurarla) e che se è vero che i poveri sono beati perché di loro sarà il regno dei cieli, è pur vero che, nel frattempo, il regno della terra è beatamente in mano ai ricchi.
Il problema  è che diventare ricchi è un’impresa estremamente ardua.
A meno che, ovviamente, non si vinca al superenalotto.
O a meno che, ovviamente, non si abbiano delle idee geniali, come quelle che alle volte concepisce la sottoscritta.
Perciò, se volete diventare ricchi, ricchi al punto di comprare una Ferrari, una squadra di calcio, la carta igienica di seta e le scarpe placcate in oro come quelle del papa, il primo consiglio da seguire, secondo me, è prendere esempio da chi ci è riuscito prima di voi (o prendere i voti se volete fare il papa).
Dopodiché, leggete il resto.

PS: il testo di seguito riportato è meramente illustrativo. La sottoscritta non si assume responsabilità in merito al fallimento del metodo. D’altronde, ella stessa nutre dubbi in merito alla sua fattibilità.

IL METODO TONY BIN

Avete presente Luciano Gaucci? Io no. Comunque, c’è un elemento nella sua biografia che non andrebbe trascurato.
Quell’elemento si chiama Tony Bin.
Tony Bin era un allegro e simpatico cavallo che il signor Gaucci riuscì ad acquistare all’asta per la modica cifra di 10 milioni di lire (attualmente sarebbe stata la modica cifra di circa 5mila euro). Ebbene, il sig. Gaucci svezzò e crebbe amorevolmente questo simpatico cavallo, dopodiché, cioè dopo aver incassato ben 10 miliardi di lire in vincite, lo vendette ai giapponesi per 7 miliardi.
Non è l’affare del secolo?
Prendendo esempio dal sig. Gaucci, tutti quanti possiamo diventare ricchi.
Ecco come.
Racimolate 5mila euro, andate a un’asta e compratevi un cavallo. Allenatelo, fatelo vincere e rivendetevelo.
Non avete 5mila euro? Nessun problema: andate sugli altipiani di Arcinazzo, rubate un cavallo, allenatelo e rivendetevelo.
Non sapete come rubare e, soprattutto, come e dove allenare un cavallo?
Fate pace con la vostra sorte.
Non è destino che diventiate ricchi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...