Le coccinelle volano

Pizzaburger

Lascia un commento

image

Quante volte la possibilità di un’alternativa ci instilla dubbi di natura amletica; quante volte, di fronte all’opportunità di una doppia scelta,  ci paralizziamo, valutando, per un tempo inenarrabile, i pro e i contro dell’una o dell’altra opzione. Bianco o nero, sì o no, lui o l’altro… Succede a tutti.
C’è chi è più audace ed istintivo e sceglie immediatamente una delle due opzioni. C’è chi è cronicamente indeciso e la tira così tanto per le lunghe che alla fine non sceglie. E c’è, infine, chi valuta il compromesso, il giusto accordo, la via di mezzo.
Personalmente, non adoro i compromessi e,  quando si tratta di scegliere da sola e per me stessa, riesco a cavarmela abbastanza bene con una delle due alternative, senza per forza crearmene o cercarne una terza.
Questo nella maggior parte dei casi, perché è ovvio che anch’io ho dei dubbi. In particolare, un dubbio che mi ha sempre angustiata, come credo angusti tanti di quelli che decidono di mangiare qualcosa fuori, era il seguente.
Pizza o hamburger? Questo era il problema. E, nella maggior parte dei casi, risolvevo o rimanendo digiuna o buttandomi, a seconda delle latitudini, o su un piatto di pasta o una chapa di picanha.
Poi ho scoperto la soluzione di ogni male, di ogni indecisione, di ogni paturnia del sabato sera. Il re dei compromessi, delle vie di mezzo, delle grandi fusioni, insomma….il PIZZABURGER!
Il pizzaburger, sintesi perfetta tra una pizza e un hamburger, non è soltanto una soluzione ai problemi di fame. Il pizzaburger è una metafora che prende forma, è la dimostrazione concreta della possibilità di superare una crisi. La sua natura ibrida e,  al contempo, completa, ha fatto sì che, nella mia ottica, assurgesse a compromesso perfetto e applicabile ad ogni tipo di situazione dubbiosa.
Ad esempio, nell’indecisione tra lo scegliere tra il bianco e il nero, si può optare per il compromesso del grigio, che è una fusione dei due, o per il pizzaburger, che non c’entra assolutamente niente, ma sta bene su tutto.
Nel dubbio tra il sì e il no, si può optare per il ni, che è, nuovamente, una fusione dei due o ripiegare sul pizzaburger, che non c’entra un cavolo, ma va bene per tutto.
Nel dubbio tra lui o l’altro, si può optare per una dispersiva, faticosa e dannosa relazione a tre o mollare entrambi e andarsene a mangiare un pizzaburger.
Insomma, se avete un dubbio, se non sapete cosa scegliere, se una decisione importante vi mette in crisi, pensate al pizzaburger. Nella maggioranza dei casi non c’entra nulla, ma, per esperienza, posso dire che davvero va bene per tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...