Le coccinelle volano

Vetro

10 commenti

glass

E’ per quelle cose che non saprà mai o per una soltanto che vorrebbe sapere, che a volte si chiude a riccio, spinosa e intrattabile quanto una scheggia di vetro non levigata da alcuna corrente.
E proprio oltre un vetro, per l’ultima volta si incanta ad inseguire i pensieri dell’uomo più vecchio che le siede accanto.

La croce ed il rosario appesi al collo sintetizzano il richiamo ad una fede assente, stretto sulla pelle come un nodo di cappio, che asfissia e lascia indolente la pretesa dell’anima di tornare pura e indenne nei confronti di quelle cose che feriscono solo perché “beati i miseri, ché di loro sarà il regno dei cieli”.
Ciononostante prova ad arrivare al cielo anche lei, con gli occhi che le si inerpicano lungo il tortuoso sentiero disegnato dalle gocce di pioggia, mentre compiono un inverso free climbing sul finestrino del treno.
Le residue luci della sera e i primi bagliori della notte, però, le respingono lo sguardo a livelli più terreni.
Capita che la suola consunta delle scarpe, abbracciata al linoleum come un’amante disfatta, le rimetta alla coscienza l’orrore dello smalto rosso spalmato in malo modo sulle unghie che non ha mai smesso di mangiare e che l’ombrello a quadretti faccia quadrato con la tempesta che presto le bagnerà i capelli.
L’accurata descrizione delle condizioni meteorologiche, del resto, condiziona l’andamento di una storia mediante le associazioni simpatetiche tra gli umori atmosferici e gli umori sentimentali.
Chiude l’agenda e smette di prendere appunti.
La promessa che la prossima storia cominci col sole non sarà più un inganno.

Annunci

10 thoughts on “Vetro

  1. Now that’s a truly, truly, brilliant picture.

  2. stordente questa donna che all’inizio facevo anziana e che ho visto ringiovanire nelle righe, lo smalto rosso, l’agenda, la promessa..fino forse a trasmigrare in un’altra persona/personaggio.
    ml

    • L’idea era quella di descrivere una sensazione di alterità rispetto al contesto, ma anche rispetto anche a se stessi, dove l’unica similitudine, e quindi appiglio, fosse data dalle condizioni atmosferiche. Un po’ stordente, è vero 😃

  3. la sensazione mia è stata che nell’ultima riga, la promessa, tu ti fossi sostituita al tuo personaggio 🙂

  4. Meraviglioso … e ispirazione ….
    g

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...