Le coccinelle volano

La “paglia” italiana

25 commenti

– Non hai mai mangiato la paglia italiana?
Non capisco perché è tanto sorpresa. Neanche i conigli mangiano la paglia!
Siamo ferme al semaforo, bloccate in fila, nonostante il segnale sia verde. Colpa dell’automobilista che ci precede, intento a mercanteggiare qualcosa con un venditore ambulante.
– Paglia italiana?- chiedo.
Siamo in pieno centro. Non si vedono stalle. Perché, se mi si dice paglia, la prima cosa a cui penso, dopo i miei capelli, è una di quelle enormi balle che, in estate, decorano le dorsali delle collinette riarse lungo le autostrade.
Ma forse quello è fieno. E il fieno i conigli lo mangiano. E pure le tagliatelle paglia e fieno si mangiano. Ma la bustina che il venditore passa all’autista attraverso il finestrino non mi pare contenga fieno e neppure tagliatelle.
– Allora la preparo e, la prossima volta che ci incontriamo, te la porto.
Rivedo la mia amica dopo una settimana. Mi porge un pacchetto rivestito di carta alluminio, all’interno del quale c’è la paglia italiana.
Vorrei riservarmi il diritto di aprire il pacchetto a casa, perché lo so che, se mi viene da fare una faccia brutta, io non riesco a trattenerla. Lei però sembra impaziente di vedere la mia reazione e allora apro.
Avete presente il salame di cioccolato? Quel dolcetto fatto con biscotti tritati, burro e cioccolato? La “palha italiana” ha gli stessi ingredienti, ma montati male. Anzi, malissimo. Praticamente, la palha italiana è un salame di cioccolato a cui è capitato un incidente grave. È un salame distrutto. Un salame in coma irreversibile.

In Brasile, è purtroppo frequente che l’aggettivo “italiano” e molti altri, relativi a città italiane, vengano abbinati impropriamente a pietanze che di italiano non hanno assolutamente nulla.
Gli spaghetti alla bolognese, ad esempio. Che in mancanza di altri formati di pasta potrebbero pure pure passare. Ma il pollo alla bolognese? La pizza palmito alla bolognese? A Bologna lo sanno?
O la salsiccia calabrese, che è un incrocio tra un wurstel, una mortadella e un salame non stagionato. Magari è piccante, pensi. No. Neanche un po’.
E il filetto alla parmigiana? Un pezzettone di manzo alla pizzaiola ricoperto di mozzarella fusa. Provo sempre a spiegare che, in Italia, non esiste. Che le melanzane si fanno alla parmigiana, non il filetto. Ma quella è la lasagna di melanzane, replicano. Amen.

I migliori piatti italiani che un italiano possa mangiare, in Brasile come in ogni altro paese che non sia l’Italia, sono quelli che gli italiani stessi preparano e mangiano a casa propria. Per il resto, viva le churrascarie!

Annunci

25 thoughts on “La “paglia” italiana

  1. So che tra Brasile e Argentina non è lo stesso che tra Venezia e Milano… però secondo me leggendo questo vi rincuorate a vicenda 😉

    https://versioneargentina.wordpress.com/2017/11/22/parla-come-mangi/

    • Adesso mi è molto più chiaro perché i brasiliani non vanno d’accordo con gli argentini 😄!
      “Gli argentini sono italiani che parlano spagnolo ma si reputano inglesi”. Così li definiscono da queste parti.
      Insomma, tra brasiliani e argentini corre la stessa simpatia che si riscontra tra italiani e francesi 😉.
      I brasiliani sono molto umili. Hanno una tradizione culinaria molto povera e prendono spunto da quelle straniere, ma senza poi vantare primati. Cioè…anche qui la vera pizza italiana non vende, ma quando ad esempio assaggiano la mia, dicono che è molto più buona della loro.
      E l’uso notevole di parole e nomi italiani si lega al fatto che i brasiliani, pur essendo legatissimi al loro paese, sono esterofili e, in particolare, per loro, “o italiano é chique demais!”.
      Che, in un periodo storico in cui noi italiani stiamo davvero messi male, può solo fare piacere 😊!

      • Da quassù (Italia) sembrano così vicine … ma non paragonabili certo… solo che il discorso pizza mi era come dire ‘familiare’…
        Per inciso io ho mangiato in Messico la pizza con l’ananas e ancora oggi la cerco in Italia :)))

      • L’ho mangiata anch’io 😄. E non è tremenda come dicono. In Italia sarebbe diversa, perché l’ananas è diverso.
        Se vieni a trovarmi, ti porto a mangiarla!
        Qui l’ananas lo servono persino alla grigia ed è buonissimo 😉!

      • Infatti io in Italia chiedo espressamente l’ananas che non sia da barattolo perché quello è terribile!
        Un viaggetto in Brasile? Non male come idea 😋

      • L’ananas brasiliano, l’abacaxi, è diverso da tutti quelli che ho mangiato in Italia. Ha la scorza più scura e la parte centrale, morbidissima, si mangia insieme a tutto il resto.
        Non so se sia una differenza dovuta alla specie o al fatto che l’esportazione ne alteri la natura e il gusto.
        Un viaggetto che vale la pena, credimi 😊!

  2. È una bella soddisfazione per la tua pizza. Qui mai una soddisfazione! Tra l’altro oggi un amico ci ha invitato a pranzo “andiamo in un posto italiano!”. Come si inserisce la faccina :facepalm su WordPress?! 😀

    • Ciao 😊!
      Mi ha davvero sorpresa leggere, attraverso i tuoi post, di quanto siano diversi, per attitudine, brasiliani e argentini. Qui sono gentilissimi. Magari, possono pensare che la mia pizza sia orribile. Ma non lo direbbero mai 😉
      Quanto agli inviti in posti italiani, ne capitano anche a me, ma, quando riesco, declino. Preferisco di gran lunga la cucina locale, sebbene la varietà sia molto limitata.
      A proposito…Passerò nel tuo blog a controllare, ma mi chiedevo: hai già scritto qualcosa sulla pasta? In Brasile è tremenda 😧!

      • Non ho ancora scritto sulla pasta. Qui amano la pasta ripiena (ravioli) sommersa di salse pesantissime. Un piatto di pasta al pomodoro è pesante quanto una parmigiana di melanzane. Mi hai dato un’idea!

      • Sono davvero curiosa!
        Aspetto il tuo post!

      • Intanto mi leggerò il tuo blog, finalmente trovo un’italiana “vicina di casa!”.

      • Grazie!
        Anch’io leggerò il tuo blog!
        Scrivo poco della mia esperienza in Brasile e, spesso, la camuffo nei racconti. Posso però dirti, senza nessun tentennamento, che adoro questo paese ed il suo popolo.
        “Vicine di casa” mi piace tantissimo!

      • Gli argentini sono gentilissimi, il problema è che spesso sono anche schietti! 😀

      • Il problema dei brasiliani è il contrario.
        È difficile che siano schietti. A volte, è difficile persino strappargli un’opinione. Niente, non si pronunciano e sorridono!
        E non hai idea di quante volte io abbia pensato: “Ma che ipocrita!!” 😉

  3. Il cibo italiano, “storpiato” all’estero, è qualcosa di atroce. A Cardiff, circa 20 anni fa, mi proposero una spaghettata con il sugo. Arrivarono a tavola spaghetti e ketchup!! 🤦🏻‍♂️ Gli avrei incendiato la cucina!! 😂😂😂
    Maledetti!! Il cibo italiano è imbattibile. 😍

    • Ti racconto una cosa.
      Tempo fa ci invitarono a cena. Mi chiesero esplicitamente, in quanto italiana, di portare un tiramisù.
      Non c’è il mascarpone, non ci sono i savoiardi, il caffè è diverso…Davvero non sapevo come fare.
      Alla fine, in qualche modo, lo feci (panna, biscotti secchi, cioccolato, etc.). Non era tiramisù. Era un pastrocchio. Assolutamente. Ma tanto, mi dissi, che ne sanno? Infatti piacque tantissimo 😂
      (spero che questa dichiarazione resti tra queste pagine e non mi valga il ritiro della nazionalità 😇)
      Il ketchup dovrebbe essere dichiarato illegale!!! Qui alcuni lo aggiungono alla pizza 😰.
      Mi auguro che dopo quell’esperienza, tu abbia insegnato ai tuoi amici gallesi cos’è davvero una spaghettata al sugo!

      • Tanto chi ci legge?? Resterà il nostro segreto il finto tiramisù!! 😂😂😂
        Il ketchup sulla pasta o sulla pizza è da sbocco!! Io non lo uso nemmeno sulle patatine!!
        Si, comunque alla fine ho cucinato io spaghetti al sugo, che hanno apprezzato moltissimo, tranne me. La qualità della pasta e della passata, all’epoca, era davvero imbarazzante!! 🤦🏻‍♂️

      • Dalla mia, prometto che non lo farò più 😂(pire perchè temo che, se esiste un inferno, la mia punizione sarebbe quella di essere costretta a mangiarlo in eterno 😧😝)
        I pomodori sono una materia prima così buona! Proprio non capisco perché li sprechino per fare il ketchup!
        Di sicuro, rispetto ai loro standard alimentari, la tua pasta era eccellente. Ma hai ragione, quando pasta e sugo non sono buoni, meglio rimanere digiuni 😉😄

  4. Comunque mia figlia nata e vissuta in Italia per tutti i suoi 3 anni… mette il ketchup sulla pasta 😖

  5. in effetti è così in tutto il mondo. Mangiare italiano, diciamo dal nome, senza un cuoco italiano è qualcosa di orribile. Ricordo in Germania la pasta al sugo italiana pomodoro liquido dove erano annegati un qualcosa che assomigliava a una pasta. Molto meglio mangiare il piatto locale, anche se povero.
    Felice serata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...