Le coccinelle volano


2 commenti

La cura del bovino

Stanca delle mie sporadiche fasi distimiche, relazionabili in larga parte ad una cattiva accettazione del malintenzionamento altrui, dopo aver vagliato i potenziali e più plausibili rimedi al mio scoramento,  ho trovato finalmente una soluzione nella cura del bovino.

La cura del bovino è una branca della pet therapy, elaborata da me medesima, sulla scia della tendenza del momento ad associare al nome di un animale effetti miracolosi in svariati campi. 
Si pensi, ad esempio, al gatto dell’erba gatta, che aiuta a dormire, o al cane (kan) della dieta Dukan, che aiuta a dimagrire. 
Infatti, stando a Wikipedia, la pet therapy “può calmare l’ansia, può trasmettere calore affettivo e aiutare a superare lo stress e la depressione”.
Quindi, io ho scelto la cura del bovino.
La cura del bovino è una terapia semplice, indolore e dall’effetto immediato. 
Impiegabile in molteplici situazioni e con variabile intensità di erogazione, la cura del bovino si può somministrare in due modi:
1) sollecitando le persone moleste ad un uso frequente e assiduo dei servizi igienici, anche laddove non abbiano posto la domanda, la cui risposta solitamente è “in fondo a destra” (ma anche a sinistra);
2) traducendo in lingua inglese* il nome della cura e pronunciandolo ad alta voce all’indirizzo delle persone moleste.

*cura del bovino = VACCA CARE.

Vi assicuro che funziona.

Maria Pia Monda 18/06/2012

Annunci